Sicilia dei sapori e dei profumi

Sicilia dei sapori e dei profumi

 

Un viaggio nel gusto che vi farà scoprire i territori della Sicilia Orientale in un modo originale e unico: un percorso di esperienze enogastronomiche senza paragoni da cui lasciarsi inebriare tappa dopo tappa.
Viaggio individuale personalizzabile
CON AUTO PRIVATA E AUTISTA/GUIDA ESPERTO DEL TERRITORIO


6 giorni da € 890 per persona

Giorno 1

Da Catania a Siracusa

Arrivo a Catania e trasferimento privato a Siracusa. Possibilità di un primo incontro in autonomia con il fascino della tradizione siciliana assistendo ad uno spettacolo nel “Teatro dei Pupi”, le famose marionette siciliane.

I “pupari”, gestori del teatro e del vicino laboratorio artigianale, appartengono ad una dinastia che si tramanda il mestiere da generazioni. Ogni pupo è ancora interamente costruito a mano, con un’anima in legno dipinto, armature in metallo, vestiti cuciti a mano e necessita di mesi di lavoro. Pernottamento a Siracusa.


Giorno 2

Siracusa

L’intera giornata è dedicata alla visita – accompagnati dal vostro autista-guida privato vero insider di luoghi ed esperienze locali – di Siracusa con il Teatro Greco, palcoscenico dei tempi greci, tra i più imponenti e meglio conservati al mondo.

Al mattino si può fare una passeggiata al celebre mercato, dalle bancarelle ricolme di colorati prodotti locali. E’ imperdibile anche per le cosiddette “vanniate”, cioè le grida dei venditori in lingua locale che servono ad attrarre i clienti.

Nel pomeriggio si visita Ortigia, stupendo centro storico di Siracusa. La visita parte dall’ingresso dell’isola per poi addentrarsi tra le viuzze di Ortigia esplorando le antiche vestigia greche come il Tempio di Apollo, la magnifica Piazza Duomo e la leggendaria Fonte Aretusa.

Sia il pranzo che la cena sono liberi e possono essere dedicati a gustare ottimi piatti a base sia di carne che di pesce, così come i buonissimi formaggi come ricotta fresca, caciotte e pecorini. Assolutamente tipici sono gli spaghetti alle vongole, il pesce spada ed i frutti di mare crudi sempre freschissimi. Da non perdere anche i piatti a base di tonno. Pernottamento a Siracusa.


Giorno 3

Da Siracusa a Noto e Modica

Arrivo nella zona collinare di San Corrado, fuori dalle mura di Noto, dove troviamo il magnifico Santuario della Madonna della Scala, da cui si vedono il Monte Alveria e le possenti mura cinquecentesche di Noto Antica, la capitale del Barocco Siciliano. Questa è la zona più famosa per la coltivazione delle mandorle, protagoniste assolute della pasticceria siciliana, portate sull’isola dagli Arabi.

Le più diffuse preparazioni a base di mandorle sono la pasta lavorata a crudo – la martorana – e i dolcetti più piccoli, le conchiglie ripiene di marmellata, gli amaretti, i faccioni di Noto, e naturalmente la cassata siciliana. Un assaggio di queste specialità in un bar di Noto è un’esperienza originale e da veri siciliani. Da queste parti, poi, non possono essere dimenticati i gelati, alcuni dai gusti molto particolari: cannella, zafferano e gelsomino, per citarne alcuni.

Partenza per Modica, il cui nucleo antico ruota intorno ai ruderi del Castello, dove un groviglio di viuzze conduce fino al punto più alto della città. Vi si possono ammirare splendidi edifici, di squisito gusto barocco, e suggestivi palazzi nobiliari, segno dell’antica ricchezza di Modica.

Ma come non parlare del cioccolato di Modica? Originale e unico nel suo genere, è scuro, rustico, quasi grezzo, dalle sfumature di gusto inimitabili al mondo. Il modo in cui viene preparato lascia intatte tutte le sue qualità, rendendo il suo aroma e il suo profumo imperdibili. Pernottamento a Modica.


Giorno 4

Da Modica a Scicli, Vizzini, Caltagirone e Catania

Possibilità di recarsi di buon mattino presso un caseificio dove si preparano la cagliata, il primo sale e la ricotta. In Sicilia i mastri formaggiai preparano ogni giorno, a partire dal latte di pecora, i formaggi secondo le antiche tradizioni locali.

Partenza per Scicli, con possibilità di inserire un “percorso degli odori” o una degustazione di prodotti tipici o una sosta a Punta Secca per acquistare uno dei famosi arancini di Montalbano.

Sosta a Vizzini, immersa nel panorama tipico dei monti Iblei. Chiese e palazzi di pregio sono disseminati lungo le ripide strade che seguono il profilo dei monti, con elementi barocchi che si fondono con le rurali costruzioni d’inizio novecento.

Arrivo a Caltagirone, celebre per la lavorazione della ceramica di altissimo livello, la cui più antica origine risale ai Greci. La sua storia è racchiusa nell’imperdibile Museo della Ceramica, motivo dominante della città come le due torri campanarie decorate di maiolica che racchiudono la facciata gotica della Chiesa di S. Pietro. Simbolo della città è la famosa Scalinata di Santa Maria del Monte, opera d’arte realizzata dai maestri ceramisti locali. Costituita da 142 gradini, era stata progettata per connettere la parte inferiore al centro storico della città, e i suoi colori accesi sono quelli tipici della ceramica locale: il verde, l’azzurro e il giallo. Si arriva a Catania in tarda serata per il pernottamento.


Giorno 5

Da Catania lungo la Strada del Vino dell’Etna

Il vino è senza dubbio uno dei prodotti più importanti della Sicilia, che trova una delle sue massime espressioni alle pendici dell’Etna. Viene prodotto in questi luoghi fin dai tempi più antichi e da sempre costituisce una preziosa fonte di commercio. Qui si producono vini connotati da una personalità forte, espressione tipica di queste terre sempre luminose, bagnate dalle acque del Mar Ionio e toccate dalle colate del vulcano che qui crea delle condizioni climatiche uniche.

La Strada del Vino è un itinerario teso a dare valore ed incentivare lo sviluppo dei territori a grande vocazione vinicola. Il percorso porta in vigneti, cantine e aziende vinicole, oltre ad enoteche e musei particolari. Proprio qui nasce l’Etna DOC, il vino dell’Etna per eccellenza, bianco, rosso e rosato.

Degno di nota anche il miele di Zafferana Etnea, zona dalla quale provengono i maggiori produttori italiani di quello che è chiamato “l’oro dell’Etna“. Il miele è un elemento necessario per molti dolci tipici: torroncini, cubbaita, mostaccioli, zeppole, ecc. E’ possibile, quindi, visitare un’azienda per vedere dal vivo la produzione del miele e degustarlo. Rientro a Catania per il pernottamento.


Giorno 6

Da Catania e rientro

In base all’orario di partenza, è possibile vivere le ultime esperienze a Catania. Ecco alcuni suggerimenti: ammirare il fiume sotterraneo nelle cantine del famoso ostello cittadino, vivere una lezione di cucina per preparare i noti arancini presso un palmento nei pressi di Catania (minimo due persone) oppure visitare la Piscarìa, l’antico mercato del pesce dal forte contenuto folcloristico!

  • La quota include:

    Servizio di noleggio auto privata
    ad uso esclusivo con autista-guida,
    conoscitore dei luoghi da visitare,
    dal 1° al 5° giorno

    Vitto e alloggio dell’autista

    Parcheggi secondo il programma

    Trasferimento dall’hotel il 6° giorno

    Sistemazione in hotel di categoria
    4 stelle, in camera doppia
    e trattamento di pernottamento
    e prima colazione.

  • La quota non include:

    Ingressi a siti, musei, monumenti, ecc.

    Pasti, bevande, mance ed extra personali in genere

    Tasse di soggiorno negli hotel.

  • Gli hotel

    Siracusa:
    Mercure Siracusa Prometeo ****
    Modica: Modica Palace ****
    Catania: Katane Palace ****
    O strutture similari nella località indicata o in località vicina.

Alcune note

• Il prezzo è stato calcolato su un minimo di 4 partecipanti; in caso di prenotazioni con un diverso numero di persone la quotazione può essere fornita su richiesta.

• Il prezzo descritto come “a partire da”, si intende come il minimo applicabile nei periodi di bassa stagione. Per viaggi in periodi diversi la quota viene calcolata in base all’esatta data di richiesta.

Per personalizzare l'esperienza

contatta i nostri esperti

081 8724372
oppure scrivi a
bookingindividuali@gialpitravel.com